SU
Image Alt
Dal 28 settembre al 4 ottobre 2020

ROMEA STRATA: DA PASSO MONTE CROCE CARNICO A MAJANO A PIEDI

ROMEA STRATA: DA PASSO MONTE CROCE CARNICO A MAJANO A PIEDI

$0 / per person
(0 Reviews)

28 SETTEMBRE – 4 OTTOBRE 2020 (7 giorni)

La via Romana Iulia Augusta partiva da Aquileia, si inoltrava nelle Alpi Carniche, entrava nell’antico Norico (attuale Carinzia), proseguiva per la val Pusteria e s’innestava nella Via Claudia Augusta diretta verso Augsburg, in Germania. Era una via Romana commerciale molto importante perché tutte le merci che provenivano dall’oriente via mare potevano giungere nelle zone di oltralpe. Su questa via si è sviluppato fortemente il Cristianesimo delle origini: la fede cristiana è arrivata ad Aquileia, secondo la tradizione, con l’arrivo dell’evangelista Marco dalla Terra Santa e abbiamo molte memorie sia nel lato friulano, sia nel lato dell’Alto Adige e della Carinzia. In particolare, a Cercivento, degna di nota è la grande opera denominata “Bibbia a cielo aperto”. Il percorso è in discesa e quindi non presenta difficoltà particolari e si colloca in una meravigliosa valle verde lungo un torrente.

 

Programma del Pellegrinaggio

1

1° giorno - lunedì 28 settembre: VICENZA – CONCORDIA SAGITTARIA – PASSO MONTE CARNICO

Ritrovo dei partecipanti a Vicenza, presso l’Abbazia di Sant’Agostino e partenza in pullman direzione Friuli Venezia Giulia. Sosta per la visita dell’importante centro romano di Iulia Concordia, odierna Concordia Sagittaria, fondata, secondo l'ipotesi attualmente più accreditata, nel 42 a.C. presso l'incrocio della Via Annia con la Via Postumia. Benedizione del pellegrino. Pranzo autonomo. Nel primo pomeriggio trasferimento in pullman a Passo Monte Croce Carnico (Plöckenpass), valico alpino delle Alpi Carniche alto 1.360 m, frequentato fin dall'antichità, come testimoniano i ritrovamenti di antiche monete romane e le iscrizioni incise sulla roccia. Proseguimento a piedi lungo l’antica via Iulia Augusta fino alla frazione di Timau, 7 km circa. Lungo il percorso sarà possibile vedere le iscrizioni romane e il Sacrario Militare. Visita del museo La zona della Carnia nella Grande Guerra 1915-1918. Cena e pernottamento ad Arta Terme.
2

2° giorno - martedì 29 settembre: PASSO MONTE CARNICO – CERCIVENTO- SUTRIO

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Sutrio circa 14 km. Pranzo al sacco. Lungo il cammino si visiterà il paese di Cercivento dove si trovano mosaici, murales, affreschi sulle pareti di case pubbliche e private, nelle vie e nelle piazze, che hanno trasformato un piccolo paese di montagna in "Una Bibbia a Cielo Aperto". Nel pomeriggio ripartenza per il paese di Sutrio dove si potrà visitare il presepe di Teno straordinario esempio di artigianato locale frutto del paziente lavoro trentennale di Gaudenzio Straulino, detto "Teno", che per quasi 30 anni ha ampliato e perfezionato la propria opera arricchendola di particolari tutti rigorosamente in legno. Passeggiata per il centro del paese dove si ha la possibilità di scorgere angoli tipici dell’architettura carnica. Cena e pernottamento ad Arta Terme.
3

3° giorno - mercoledì 30 settembre: SUTRIO – ZUGLIO - TOLMEZZO

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Tolmezzo circa 18 km. Pranzo al sacco. Alla mattina visita al centro di Zuglio, l'antica Iulium Carnicum. Qui sarà possibile visitare la Pieve di San Pietro in Carnia, fra le più antiche del Friuli e a più riprese sede episcopale nell'alto Medioevo, la chiesa di San Rocco Confessore, il Museo Civico e il Foro Romano di Zuglio. Nel pomeriggio si proseguirà per Tolmezzo dove sarà possibile visitare il Museo Carnico delle Arti Popolari e il Palazzo Linussio. Cena e pernottamento ad Arta Terme.
4

4° giorno - giovedì 1 ottobre: TOLMEZZO – CAVAZZO CARNICO – VENZONE

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Venzone circa 20 km. Pranzo al sacco. In mattinata visita alla chiesa di san Rocco costruita nella seconda metà del Cinquecento e alla Pieve di Santo Stefano a Cavazzo Carnico. Nel pomeriggio si prosegue il cammino per Venzone dove sarà possibile ammirare le mura e il borgo Medievale. Visita del Duomo di Sant’Andrea, chiesa di santi Filippo e Giacomo, del Museo delle Mummie e del Museo del terremoto. Cena e pernottamento a San Daniele del Friuli.
5

5° giorno - venerdì 2 ottobre: VENZONE - GEMONA – OSOPPO

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Osoppo circa 18 km. Pranzo al sacco. Visita al Mulino Cocconi, di origini antichissime, è l’unico mulino ad acqua recuperato a Gemona dopo il terremoto del 1976. Visita del duomo di santa Maria Assunta, del duomo di Gemona del Friuli e al Santuario di Sant’Antonio. Nel pomeriggio visita al colle di Osoppo e della chiesa di san Giacomo. Cena e pernottamento a San Daniele del Friuli.
6

6° giorno - sabato 3 ottobre: OSOPPO – MAJANO

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Majano circa 16 km. Pranzo al sacco. Lungo il percorso sarà possibile vedere il cimitero Israelitico/Ebraico e il lago di Ragogna. Si attraverseranno le risorgive di Bars per raggiungere la cittadina di Majano. Qui sarà possibile visitare il castello di Susans, il Santuario di Santa Maria Assunta e l’antico Hospitale di san Giovanni di Gerusalemme a Majano. Cena e pernottamento a San Daniele del Friuli.
7

7° giorno - domenica 4 ottobre: MAJANO – SAN DANIELE DEL FRIULI - VICENZA

Prima colazione. Con il pullman trasferimento al centro di San Daniele del Friuli. Nel cuore della cittadina visita alla chiesa di Sant'Antonio Abate, autentico scrigno dell'arte friulana fra Basso Medioevo e Rinascimento, custode del più bel ciclo di affreschi rinascimentali della regione ad opera di Martino da Udine detto "Pellegrino da San Daniele". Visita alla Biblioteca Guarneriana e al borgo. Pranzo al sacco e rientro in pullman a Vicenza.

Contattaci per informazioni

Tipologia camera singoladoppia



You don't have permission to register