SU
Image Alt
Dal 4 all'8 settembre 2020

BASILICATA

BASILICATA

$0 / per person
(0 Reviews)

4 – 8 SETTEMBRE 2020 (5 giorni)

La regione Basilicata, oltre a qualche nota località, non è una realtà molto conosciuta e visitata. Si tratta, invece, di un luogo dove il Cristianesimo delle origini si è progressivamente radicato, ne è testimonianza una presenza ebraica molto antica. Fin dall’epoca romana troviamo diverse comunità cristiane, che si sono sviluppate nel tempo fino ad arrivare all’inizio del Monachesimo. La simbiosi tra l’architettura romana e quella cristiana è molto presente e visibile e si può notare anche il relativo sviluppo storico. Matera ha sempre evocato le “Terre Bibliche”, grazie alla sua configurazione geologica. Essa è stata, per questo motivo, la location di molti film girati da famosi registi come Pasolini e Mel Gibson. Lo scenario che si presenta in questa terra, infatti, è molto simile e richiama i luoghi dove Gesù ha annunciato la lieta notizia. I porti della Puglia si rifanno anch’essi alla Terra Santa, in quanto da qui partivano i crociati per custodire i Luoghi Santi e di conseguenza i pellegrini che vi si recarono.

 

 

Programma del Pellegrinaggio

1

1° GIORNO - venerdì 4 settembre: VICENZA – TRANI—MATERA

Ritrovo dei partecipanti a Vicenza e partenza con pullman riservato Granturismo via autostrada Adriatica in direzione Bologna/Ancona. Pranzo lungo il percorso. Arrivo a Trani e incontro con la guida per la visita della Cattedrale, splendida costruzione in marmo dorato, risalente al X secolo e alla quale fa da mirabile “quinta” l’azzurro intenso del mare. Proseguimento per Matera, cena e pernottamento in hotel.
2

2° GIORNO - sabato 5 settembre: MATERA

Pensione completa. Al mattino incontro con la guida e visita al Parco Archeologico Storico e Naturale della Murgia e delle Chiese Rupestri del Materano. In un paesaggio caratterizzato da zone brulle con sterminate distese di asfodelo e di macchia mediterranea ricca di timo, si nasconde un ricchissimo patrimonio archeologico, storico e naturale. Visione dei rioni “Sassi” e della Gravina di Matera e passeggiata naturalistica lungo i sentieri della transumanza per meglio comprendere il fenomeno rupestre, la geologia della Murgia e delle gravine e conoscere le piante tipiche dell'ecosistema murgiano e l'uso che ne facevano i pastori. Il Parco raccoglie le tracce della presenza dell’uomo in questi luoghi fin dalla preistoria e presenta le oltre 150 chiese rupestri, singolari testimonianze di un consistente insediamento monastico medioevale che, a partire dal IX secolo, ha visto avvicendarsi comunità religiose provenienti da regioni differenti: il monachesimo latino che ha lasciato un’impronta romana e longobarda e quello proveniente da oriente che si materializza nelle splendide chiese di ispirazione bizantina. Di eccezionale bellezza è la Cripta del Peccato Originale, testimonianza di un cenobio rupestre benedettino del periodo longobardo affrescato da un ciclo pittorico databile all’inizio del IX secolo con scene della storia della Genesi.  "Sassi", oggi inalienabile patrimonio dell´UNESCO. Le antiche abitazioni dei contadini di Matera, dove solo la facciata è in muratura mentre il resto è scavato nella roccia, sono distribuite lungo stradine tortuose, ampie scalinate e stretti passaggi. Queste case, abbarbicate sopra il ciglio di una gravina, sovrapposte le une alle altre e articolate attorno ad un cortile comune chiamato vicinato, dov´è il pozzo per l´acqua, offrono un panorama unico in Italia che trova confronto con alcuni insediamenti rupestri anatolici e greci. All´interno di questo intricato tessuto abitativo visiteremo un esempio di “casa-grotta”, e le più significative chiese rupestri del circuito urbano: Madonna dell´Idris, collegata con un piccolo corridoio al primitivo battistero di San Giovanni in Monterrone, decorato con interessantissimi affreschi del XII e XIII secolo, Santa Lucia alle Malve annessa ad un convento benedettino femminile scavato in età normanna. In piano, la dorsale settecentesca della città, troveremo il bellissimo Duomo romanico della città, la chiesa romanica di San Giovanni Battista, e gli splendidi palazzi barocchi che circondano le piazze della città. Il sistema museale di Matera offre la possibilità di visitare all’interno del prestigioso palazzo Lanfranchi il Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna di Basilicata in cui sono esposte la collezione dei dipinti di Carlo Levi, la quadreria d'Errico (tele del seicento e settecento napoletano) e numerose opere d'arte sacra medievale che provengono dalle diverse diocesi della regione (statue lignee, in pietra policroma e in cartapesta, e dipinti dei maggiori manieristi della Lucania). Cena e pernottamento in hotel.
3

3° GIORNO - domenica 6 settembre: VENOSA E MELFI

Pensione completa. Incontro con la guida e visita all’Area del Vulture, un vulcano spento che poggia su rocce argillose e tufacee, in un paesaggio ricco di uliveti, di boschi di castagno e di vigneti di aglianico. Venosa, antica colonia romana che ha dato i natali al poeta latino Quinto Orazio Flacco, ci stupirà per i suoi tesori: il Parco Archeologico dove sono visibili le terme, le domus i resti dell’Anfiteatro, il complesso della SS. Trinità che ospita la Tomba di Roberto il Guiscardo e della sua famiglia. La chiesa vecchia, sorta in età paleocristiana su un tempio pagano e ampliata a partire dalla fine del XI secolo con la chiesa nuova - rimasta incompiuta - è un capolavoro dell’architettura benedettina. Si proseguirà con la visita delle catacombe ebraiche più antiche d'Europa datate a partire dal IV secolo. Il maestoso Castello Ducale Aragonese Pirro del Balzo ospita il Museo Archeologico Nazionale con reperti dall’epoca pre-romana fino al tardo impero e ai normanni. Trasferimento a Melfi, la culla dei cavalieri normanni. L’abitato, circondato da dieci possenti torrioni, è dominato dal Castello normanno-svevo dove Federico II di Svevia emanò le famose Costituzioni, opera fondamentale per la storia del diritto. Nel corpo centrale è stato istituito il Museo Archeologico Nazionale del Vulture Melfese, con una ricca collezione di reperti rinvenuti in quell’area. Ammireremo inoltre l'affresco bizantino della Mater Dei nella cattedrale edificata nel XII sec. ma quasi interamente rifatta nel XVIII sec in stile barocco. Nelle vicinanze di Melfi si trova la più importante chiesa rupestre del melfese: la Cripta di Santa Margherita del XIII secolo, interamente scavata nel tufo e decorata con bellissimi affreschi. Cena e pernottamento in hotel.
4

4° GIORNO - lunedì 7 settembre: METAPONTO – ANGLONA – TURSI

Pensione completa. Incontro con la guida. Trasferimento sulla Costa ionica per visitare le Tavole Palatine, il tempio extraurbano dell'antica Metaponto, intitolato ad Hera. Nell’entroterra potremo godere del fascino dei calanchi argillosi e visitare il suggestivo Santuario di S. Maria d´Anglona: inaugurato da Papa Urbano II nell´anno 1094, rappresenta una delle assolute meraviglie del sud Italia. I dipinti del secolo XII disposti su tre ordini sono tratti dalla genesi e ripropongono i temi dei mosaici di Palermo e Monreale. Nel pomeriggio trasferimento a Tursi: visiteremo la Rabatana, il quartiere arabo, la chiesa madre con il presepe in pietra policroma del 1500 e affreschi dello stesso periodo e poi un trittico della scuola di Giotto. Cena e pernottamento in hotel.
5

5° GIORNO - martedì 8 settembre: BARI – VICENZA

Prima colazione in hotel. Al mattino visita (2 ore circa) con guida di Bari: città di mare e di terra, la cui figura predominante e quella del più prestigioso santo taumaturgo d’Oriente: S. Nicola. Nella  città vecchia, parte più antica e carica di memorie storiche sorge la Chiesa di S. Nicola, importante architettura romanico pugliese; la Muraglia, segno evidente della fortificazione medievale etc. Al termine partenza per il viaggio di rientro. Pranzo lungo il percorso e proseguimento per la via del rientro. Arrivo a Vicenza previsto in serata.

Contattaci per informazioni

Tipologia camera singoladoppia



You don't have permission to register