Ufficio Pellegrinaggi Diocesi di Vicenza Contrà Vescovado, 3 - Vicenza
Linfa dell'ulivo - logo

LuMe 1 - CINA

LuMe 1  Lunedì 18 novembre 2019, ore 20.30

CINA

Alla scoperta di un’altra civiltà. Sulle orme dei Nestoriani, Matteo Ricci e Marco Polo

Luogo: Oratorio dell’Abbazia di Sant’Agostino – Vicenza

Presentazione del pellegrinaggio in Cina
La cultura, la storia e la religiosità dell’Impero cinese costituiscono nel tempo un valore enorme da scoprire, conoscere ed approfondire attentamente. La Cina si trova esattamente sul lato opposto del nostro mondo occidentale ed è sempre stata un luogo di grande ricerca d’arte, cultura, scienza, conoscenza e forme religiose molto diverse. Qui infatti troviamo la presenza del Taoismo e del Confucianesimo, ma anche Buddismo,  Islam e Cristianesimo. Questa nazione è, quindi, un crogiolo di fedi, razze e culture che hanno avuto varie espressioni a partire dagli imperi, che si sono succeduti cronologicamente nel corso della storia.

La Cina pur essendo molto lontana geograficamente, è sempre stata vicina a noi grazie a un importante filo conduttore, che è la Via della Seta. Questo grande itinerario trasportava non solo materiali da Oriente e Occidente e viceversa, ma era anche veicolo di idee, esperienze, conoscenze, fedi religiose e quant’altro. Il percorso partiva da Xian fino ad Antiochia sull’Oronte, porto nel Mediterraneo oggi completamente in disuso. Questa Via ha portato ricchezza in tutto il Mediterraneo, basti pensare alla fortuna avuta dalla Repubblica Serenissima di Venezia. Ricordiamo in particolare Marco Polo, viaggiatore, scrittore, ambasciatore e mercante italiano. La sua famiglia apparteneva al patriziato veneziano. Insieme al padre Niccolò e allo zio Matteo viaggiò a lungo in Asia percorrendo, appunto, la Via della Seta e attraversando tutto il continente asiatico fino a raggiungere la Cina.

Sempre tramite questo percorso si è diffuso il Cristianesimo, soprattutto grazie ai Nestoriani (eresia del mondo siriaco). I quali sono arrivati fino a Xian in Cina, ne abbiamo anche la prova archeologica. Nel XXIII, sono transitati i Francescani, tra cui anche un nostro conterraneo che si chiamava Olderico da Pordenone ed hanno portato con sé l’annuncio missionario del Vangelo in questa terra lontana. Successivamente, nel XVI secolo, c’è stata la grande presenza del Padre gesuita Matteo Ricci, che ha dato un contributo enorme sia alla cultura cinese, che alla presenza del Vangelo di Gesù in questa terra.