Ufficio Pellegrinaggi Diocesi di Vicenza Contrà Vescovado, 3 - Vicenza
Linfa dell'ulivo - logo

Padre bellarmino bagatti OFM

Attraverso le scoperte archeologiche di Padre Bagatti, riusciamo a vedere il volto concreto della Chiesa primitiva giudeo-cristiana di cui parlano il Nuovo Testamento e la letteratura patristica. I suoi scavi ci mostrano che i luoghi di culto delle comunità cristiane si succedettero sul medesimo posto fin dai primissimi decenni dellʼera cristiana. Padre Bagatti rivolse la sua vita e la sua attenzione soprattutto agli umili resti di monumenti cristiani dispersi nei villaggi della Palestina e delle regioni limitrofe.

Note biografiche e bibliografiche
Padre Bellarmino Bagatti nacque a Lari (Pisa) lʼ11 novembre 1905. Vestito lʼabito di san Francesco sul Monte della Verna in Toscana, fu ordinato sacerdote a 23 anni. Nel 1931 fu inviato al Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana in Roma, dove nel 1934 conseguì brillantemente il titolo di Dottore in Archeologia Cristiana. Dal 1935 fu professore di topografia di Gerusalemme e archeologia cristiana presso lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme. Nel 1941, con Padre Sylvester Saller, dette inizio alla serie “SBF Collectio Maior” e nel 1951, con Padre Donato Baldi, fondò la rivista “SBF Liber Annuus”. Nel decennio 1968-1978 fu Direttore dello Studium e per molti anni fu anche insegnante nello Studio Teologico Internazionale della Custodia di Terra Santa. La sua opera è ben nota agli studiosi di tutto il mondo: lavorò ad una ventina di opere e e varie centinaia di articoli, partecipò a innumerevoli congressi internazionali, collaborò a dizionari e enciclopedie, curò varie riedizioni di antiche opere di Palestinologia, guidò generazioni di studenti nelle escursioni in Terra Santa e Giordania. In occasione del suo 70mo compleanno fu onorato con la pubblicazione di due volumi di studi archeologici, esegetici e patristici presentati da ricercatori di varie parti del mondo e di differenti istituzioni culturali. Quando non poté più praticare scavi, Padre Bagatti si dedicò allʼiconografia. Morì il 7 ottobre 1990, nel Convento francescano di San Salvatore a Gerusalemme.

I suoi maggiori scavi
A Roma: Cimitero di Commodilla (1933-34), in Terra Santa: Santuario delle Beatitudini (1936), Visitazione ad Ain Karem (1938), Emmaus-Qubeibeh (1940-44), Betlemme (1948), Dominus Flevit sul Monte degli Olivi (1953-55), Nazaret (1954-1971), Monte Carmelo (1960-61), in Giordania: Monte Nebo (1935) e Khirbet el-Mukhayyat (in diverse epoche).