Ufficio Pellegrinaggi Diocesi di Vicenza Contrà Vescovado, 3 - Vicenza
Linfa dell'ulivo - logo

Har karkom, la riscoperta del sinai: e. anati

E’ importante il suo studio sulla localizzazione del monte Sinai, uno degli snodi vitali della storia della salvezza. Quello localizzato a Santa Caterina in Egitto sia dal punto di vista archeologico che topografico non da’ riscontri significativi. Anati studia per anni l'importante sito di Har Karkom nel deserto del Neghev avanzando l'ipotesi che possa coincidere con il Monte Sinai descritto nella Bibbia.

Note biografiche e bibliografiche

Nato a Firenze nel 1930, ha studiato archeologia e preistoria all’Università di Gerusalemme, si è specializzato in antropologia e scienze sociali all’Università di Harvard (USA) e ha conseguito un dottorato in lettere alla Sorbona di Parigi. I suoi principali interessi scientifici riguardano l’arte e le religioni delle culture preistoriche e tribali. Ha svolto ricerche in Europa, nel Vicino Oriente, in India, Tanzania, Malawi, Messico, Australia e in Valcamonica, dove ha fondato il Centro camuno di studi preistorici.

E' fondatore e direttore del Centro Camuno di Studi Preistorici di Capo di Ponte, Italia, e professore ordinario (in pensione) di Paletnologia presso l'Università di Lecce, Italia. 

 

Tra le pubblicazioni di Anati:

La Palestina prima degli ebrei (Milano 1963);

L’arte rupestre del Negev e del Sinai (Milano 1979);

Har Karkom, Montagna sacra nel deserto dell’esodo (Milano 1984);

La Montagna di Dio Har Karkom. Ricerche archeologiche sulla strada dell’Esodo (Milano 1986);

Valcamonica riscoperta (Brescia 1989);

Har Karkom. Vent’anni di ricerche archeologiche (Capo di Ponte 1999);

Har Karkom. Guida ai siti principali del riscoperto monte Sinai (Collana Bibbia e Terra Santa 2010);

La riscoperta del monte Sinai. Ritrovamenti archeologici alla luce del racconto dell’Esodo (Collana Bibbia e Terra Santa 2010).