Ufficio Pellegrinaggi Diocesi di Vicenza Contrà Vescovado, 3 - Vicenza
Linfa dell'ulivo - logo

BLOG: Incontro con Daniela Yoel


Commento inviato da Ufficio Pellegrinaggi
Bocche scucite. Parole in dialogo dalla Palestina L’incontro con Daniela Yoel e la sua esperienza Sala straripante di pubblico attento per l’incontro con Daniela Yoel di ieri sera, giovedì 6 marzo. Nel primo di una serie di eventi legati alla festa dell’8 marzo, Presenza Donna (in collaborazione con l’Ufficio pellegrinaggi) ha proposto questa serata di conoscenza e approfondimento dell’esperienza delle donne israeliane di Machsom Watch, dando voce alle storie di una terra – la Palestina – martoriata da muri e conflitti. A dialogare con Daniela Yoel c’era don Nandino Capovilla (Pax Christi), e proprio da lui sono giunte le prime parole sulla situazione dei «territori». «Occorre anzitutto conoscere ciò che accade, e dare il giusto nome alle cose» ha spiegato. «I check-point, allo stato delle cose, non sono garanzia di sicurezza, ma strumento di umiliazione per un popolo intero. […] Non si contano gli episodi di dignità calpestata, si deve affrontare una sistematica disumanizzazione che fa sentire impotenti». In tutto questo, la testimonianza di Daniela Yoel, donna israeliana attiva nella custodia dei diritti dei palestinesi, è una boccata d’ossigeno: donne e uomini che regalano speranza e coraggio, alzando la voce e resistendo, in modo nonviolento, per custodire l’umanità di ogni uomo e donna. Daniela ha raccontato la sua storia («faccio parte della prima generazione arrivata in Israele, qualche anno prima della creazione dello Stato»), la storia di Machsom Watch e alcuni episodi che hanno costruito questo cammino di impegno. Ha saputo trovare parole precise e vibranti per raccontare la necessità di un’indignazione che difenda la dignità, e di un conseguente impegno. Ha reso evidente l’importanza di «guardare direttamente, in prima persona, le realtà e i diritti calpestati», le motivazioni profondamente umane che muovono il suo agire, e che superano tutte le possibili barriere (religiose, culturali, politiche) per custodire il diritto di ciascuno a una vita degna. La serata, animata anche dalla proiezione di alcuni reportage e dalla lettura di drammatiche testimonianze, si è chiusa con alcuni interventi di un pubblico che si è sentito davvero chiamato a conoscere, guardare e custodire. Daniela Yoel porterà ora la sua intensa testimonianza anche in occasione della Preghiera al femminile. Arrivederci dunque a sabato 8 marzo, 20.30, chiesa di Araceli vecchia in Vicenza. Associazione Presenza Donna
Commento inviato da Ufficio Pellegrinaggi
INTERVISTA A DANIELA YOEL SU RADIO OREB! http://www.radioreb.org/radio/index.php?option=com_content&view=article&id=865:8-marzo-2014&catid=25:notiziario-diocesi&Itemid=43


Commenti e opinioni

Nome :
Email :
Foto (max 2 MB, formati jpeg, jpg, png e gif):

Commento :