Ufficio Pellegrinaggi Diocesi di Vicenza Contrà Vescovado, 3 - Vicenza
Linfa dell'ulivo - logo

Radice Santa

Avere coscienza e consapevolezza della propria Radice Santa significa saper generare buoni frutti perché come diceva Gesù i frutti dipendono dall’albero e quindi dalle sue radici.

L'Ufficio Pellegrinaggi organizza pellegrinaggi, serate ed incontri per approfondire la conoscenza dell'ebraismo, radice della nostra fede cristiana.

 

 

Venerdì 20 gennaio 2017

MINI PELLEGRINAGGIO A:
MANTOVA. La Radice Santa lascia le sue tracce a Mantova

La presenza ebraica in Italia ha radici molto profonde. A Mantova e in tutta la regione del mantovano gli ebrei trovano un’accoglienza molto fertile perché i Gonzaga li accolgono ben volentieri date le loro capacità commerciali. Mentre d’altra parte gli Sforza di Milano, che confinano con il ducato di Mantova, non li accettano assolutamente. Per questa ragione il fiume Oglio che divideva i due stati e ne era il confine determinava anche il punto di passaggio di coloro che dal regno degli Sforza andavano nella zona del mantovano dove vi erano gli ebrei per avere i loro servigi. A Mantova gli Ebrei vivono in un ghetto, che esiste tutt’ora, e quindi sono parte della città pur vivendo separatamente da essa. Vi sono ancora edifici molto interessati da visitare e da vedere compresa anche l’antica Sinagoga. La tradizione ebraica di Mantova si collega anche a altri due edifici che hanno a che fare con la Radice Santa e che fanno riferimento direttamente a Gesù stesso. Visiteremo infatti la chiesa di Sant'Andrea, luogo molto importante perché nella tradizione storica fa rifermento alla presenza del “Santo Graal” e di tutte le vicende annesse e connesse. Visiteremo anche la chiesa di San Lorenzo edificio costruito per fare memoria in loco del Santo Sepolcro di Gerusalemme e messo a disposizione dei pellegrini che non potevano andare in Terra Santa.